Ferrara

30 SETTEMBRE 2020 - CONVEGNO - La Direzione Assistenziale: quale sviluppo per le professioni sanitarie

Un'occasione per approfondire l'iter regionale che porterà all'istituzione, all'interno della Direzione strategica aziendale, della DIREZIONE ASSISTENZIALE e dunque quali saranno le PROSPETTIVE DI SVILUPPO PER LE PROFESSIONI SANITARIE.

L'evento si svolgerà il 30 SETTEMBRE 2020 - presso SEDE CISL BOLOGNA - SALONE BONDIOLI - VIA MILAZZO, 16 - BOLOGNA.

POSTI IN PRESENZA LIMITATI - causa Covid-19 - ISCRIZIONI via E-MAIL a: fp.emiliaromagna@cisl.it 

DIRETTA LIVE SU: www.cislfpemiliaromagna.it

SCARICA IL PROGRAMMA DEL CONVEGNO 

 


 

 

 

AGGRESSIONE AL PERSONALE SANITARIO: UNA SITUAZIONE INTOLLERABILE, MISURE CONCRETE DALLA RIAPERTURA DEL CONFRONTO CON LA REGIONE

 

COMUNICATO STAMPA

Dichiarazione congiunta di Lavinia Carmela(staff segretaria regionale Cisl Fp) e Marisa Faraca(presidente regionale Cisl medici)

Le continue segnalazioni di aggressioni fisiche e verbali a danno degli operatori sanitari che avvengono in tutte le strutture sanitarie della regione, e non solo ai pronto soccorsi, sono gravi e del tutto intollerabili per un paese civile.Ultimo episodio in ordine di tempo riguarda 2 aggressioni al pronto soccorso dell’Ospedale Maggiore di Bologna in meno di 24 ore, un medico e un operatore socio sanitario in infortunio per essere stati aggrediti, presi a pugni e schiaffi e infermieri al triage aggrediti verbalmente e subita la minaccia e il tentativo di danneggiamento dell’auto privata di uno di loro.

Riteniamo che rispetto il pronto soccorso coinvolto vadano prese delle decisioni in tempi rapidi rispetto l’attuale sistema di accessi già criticato da operatori e sindacati.

 Il 26 giugno avevamo richiamato la Regione ad affrontare questo tema, in particolare per il pronto soccorso, su cui aveva promesso la valutazione delle misure in tempi ben più rapidi. Finalmente dopo le nostre sollecitazioni il 10 Settembre sarà riaperto il confronto su questo tema con la Regione Emilia-Romagna per discutere dell’aggiornamento della “raccomandazione per la prevenzione della violenza a danno degli operatori sanitari”.

 Ora, con questo ennesimo grido d’allarme, vogliamo ancora una volta ribadire che aggredire chi tutela e si prende cura della nostra salute non significa solo arrecare un danno al singolo, ma a tutti i cittadini, alla nostra città. Un danno assurdo non solo perché intacca quel minimo comune denominatore di civiltà che dovrebbe essere insito in ogni comunità,  ma anche perché comporta ancheun pesanti ricadute sia per i colleghi sia per l’intera struttura sanitaria, visto che la stragrande maggioranza delle volte il lavoratore aggredito dovrà passare un periodo di convalescenza a casa o, peggio, in ospedale

È il momento ormai non rinviabile di mettere in atto azioni concrete di miglioramento della tutela fisica degli operatori, di cui tanto si è parlato. Nessun lavoratore dovrebbe temere per la propria incolumità fisica né ritorsioni perché svolge le proprie attività o perché denuncia dei soprusi subiti. I colpevoli devono rispondere dei propri gesti tutelando in tutti i modi chi subisce la prepotenza altrui.

Bologna, 5 setttembre 2019

 

 

 

AGGRESSIONE AL PERSONALE SANITARIO: UNA SITUAZIONE INTOLLERABILE, MISURE CONCRETE DALLA RIAPERTURA DEL CONFRONTO CON LA REGIONE (2)

 

COMUNICATO STAMPA

Dichiarazione congiunta di Lavinia Carmela(staff segretaria regionale Cisl Fp) e Marisa Faraca(presidente regionale Cisl medici)

Le continue segnalazioni di aggressioni fisiche e verbali a danno degli operatori sanitari che avvengono in tutte le strutture sanitarie della regione, e non solo ai pronto soccorsi, sono gravi e del tutto intollerabili per un paese civile.Ultimo episodio in ordine di tempo riguarda 2 aggressioni al pronto soccorso dell’Ospedale Maggiore di Bologna in meno di 24 ore, un medico e un operatore socio sanitario in infortunio per essere stati aggrediti, presi a pugni e schiaffi e infermieri al triage aggrediti verbalmente e subita la minaccia e il tentativo di danneggiamento dell’auto privata di uno di loro.

Riteniamo che rispetto il pronto soccorso coinvolto vadano prese delle decisioni in tempi rapidi rispetto l’attuale sistema di accessi già criticato da operatori e sindacati.

 Il 26 giugno avevamo richiamato la Regione ad affrontare questo tema, in particolare per il pronto soccorso, su cui aveva promesso la valutazione delle misure in tempi ben più rapidi. Finalmente dopo le nostre sollecitazioni il 10 Settembre sarà riaperto il confronto su questo tema con la Regione Emilia-Romagna per discutere dell’aggiornamento della “raccomandazione per la prevenzione della violenza a danno degli operatori sanitari”.

 Ora, con questo ennesimo grido d’allarme, vogliamo ancora una volta ribadire che aggredire chi tutela e si prende cura della nostra salute non significa solo arrecare un danno al singolo, ma a tutti i cittadini, alla nostra città. Un danno assurdo non solo perché intacca quel minimo comune denominatore di civiltà che dovrebbe essere insito in ogni comunità,  ma anche perché comporta ancheun pesanti ricadute sia per i colleghi sia per l’intera struttura sanitaria, visto che la stragrande maggioranza delle volte il lavoratore aggredito dovrà passare un periodo di convalescenza a casa o, peggio, in ospedale

È il momento ormai non rinviabile di mettere in atto azioni concrete di miglioramento della tutela fisica degli operatori, di cui tanto si è parlato. Nessun lavoratore dovrebbe temere per la propria incolumità fisica né ritorsioni perché svolge le proprie attività o perché denuncia dei soprusi subiti. I colpevoli devono rispondere dei propri gesti tutelando in tutti i modi chi subisce la prepotenza altrui.

Bologna, 5 setttembre 2019

 

 

 

Corso preparazione concorso pubblico per Operatore Socio Sanitario

Corso di preparazione al concorso pubblico indetto in forma congiunta tra  l'azienda ospedaliera di Bologna, l'azienda Usl di Bologna, l'azienda Usl di Imola, L'istituto Ortopedico Rizzoli, l'Azienda Ospedaliero universitaria di Ferrrara e l'azienda Usl di Ferrara

IL CORSO DI PREPARAZIONE AL CONCORSO - Assistente amministrativo

La CISL FP di Area Metropolitana Bolognese e CISL FP di Ferrara organizzano il corso di preparazione al concorso per il bando di prossima uscita:

"Assistente amministrativo Categoria C - Aziende Sanitarie Bologna-Ferrara-Imola"

Sei Diplomato? Se si potrai partecipare al corso di preparazione!

 


 

 

 
Il corso prevede lo svolgimento di 10 moduli da 30 ore complessive (3 ore a lezione) che saranno effettuati con docenti e contenuti identici nelle giornate di lunedì presso la sede di Bologna e mercoledì presso la sede di Ferrara sempre dalle 16:30 alle 19:30. E' pertanto possibile iscriversi e frequentare il corso alternativamente presso una delle due sedi proposte.
 
1a lezione a BOLOGNA: Lunedì 17 Giugno 2019 ore 16:30 - arrivo ore 16:00 per perfezionare pratiche di iscrizione
1a lezione a FERRARA: Mercoledì 19 Giugno 2019 ore 16:30 - arrivo ore 16:00 per perfezionare pratiche di iscrizione

 

Costi:
20 euro per iscritti CISL
120 euro non iscritti CISL

 

Alla prima lezione o preventivamente alla mail corsoamministrativo.cislfp@gmail.com occorrerà presentare:
- modulo di iscrizione compilato in ogni sua parte, compresa informativa privacy
- ricevuta della eventuale iscrizione alla Cisl
- distinta del bonifico di avvenuto pagamento del contributo previsto, secondo le modalità riportate nel modulo di iscrizione

 

 

Scarica qui sotto il volantino e il modulo di iscrizione!

  1. MODULO ISCRIZIONE e Privacy
  2. VOLANTINO

 

P E R  I N F O  E   I S C R I Z I O N I :
WWW.CISLFP-EMILIAROMAGNA.IT
C E L L . 3 3 4 1 3 4 3 0 9 3 - - 3 9 2 9 3 7 1 4 8 0
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.